Non sei connesso Connettiti o registrati

Modificato DEIP sulla chiusura dei confini fiorentini

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

nickcave

avatar



Firenze, Palazzo Vecchio, addì 03 Novembre1463


DECRETO EX IMPERIO PRINCIPIS

Della chiusura dei confini della Repubblica Fiorentina




Noi, S.S.I. Leonardo Baiano Valmarana, Signore di Firenze, Visconte di Valdera, Cavaliere di Benemerenza e Barone di Pian di Scò,


DECRETIAMO


- l'apertura dei varchi di  Pisa e Livorno.

- la chiusura dei varchi di Firenze Capitale e Piombino.

Qualunque cittadino, straniero e fiorentino, che intendesse transitare (in entrata, uscita e attraversamento -anche viaggiando per nodi-) per le città di Firenze e Piombino dovrà obbligatoriamente richiedere i necessari lasciapassare presso gli appositi uffici della Dogana di Firenze, secondo le norme previste dallo Statuto Doganale.
Si ricorda altresì la possibilità di richiedere un Permesso Permanente.

Sono esclusi dall'onere di richiesta di permessi:
- i membri del Consiglio Fiorentino in carica, per tutta la durata del loro mandato;
- i cittadini fiorentini inviati in missione per conto del Consiglio, che verranno autorizzati dal Prefetto in forma privata;
- tutti i cittadini, fiorentini e non, autorizzati preventivamente dal Consiglio fiorentino per missioni di varia natura (militari, diplomatiche, commerciali);
- i possessori di regolare permesso permanente;

Chi violerà tali disposizioni incorrerà nel reato di "Violazione delle disposizioni doganali".

Art.16: Violazione delle disposizioni doganali
Imputazione: DISTURBO ALL'ORDINE PUBBLICO

E' perseguibile qualunque cittadino, fiorentino o straniero, che si introduca nel territorio della Repubblica non rispettando le modalità, le procedure e le tempistiche previste dalla Dogana fiorentina.

Si conferma che chiunque sia inserito nelle Liste Ricercati potrà essere sempre perseguito dagli eserciti.

In presenza di eserciti in modalità aggressiva posti a guardia delle frontiere sopraccitate, gli eventuali incidenti, causati dalla negligenza dei viaggiatori, non saranno considerati responsabilità del Consiglio della Repubblica e come tali non verranno risarciti.
Si raccomanda dunque la massima e scrupolosa osservanza nella richiesta dei permessi e delle disposizioni doganali in vigore.
Per salvaguardare la propria incolumità, si raccomanda ai viandanti di mettersi in viaggio solo dopo aver constatato la presenza del proprio nominativo nelle liste amici pubblicate dai Generali posti al controllo dei varchi citati.

Il presente Decreto Ex Imperio Principis sostituisce integralmente quello precedente nel medesimo ambito.

Avrà validità a partire dal giorno successivo alla sua emanazione.


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum